Blog

Alimentazione complementare del bambino: nuove raccomandazioni

All’età di 6 mesi, il bambino dovrebbe iniziare a ricevere un altro tipo di alimento che integri il latte materno o la formula artificiale, nonostante il latte continui a essere il suo alimento principale fino ai 12 mesi. Ha bisogno di integrare il suo fabbisogno nutrizionale per continuare a crescere e svilupparsi correttamente e per mantenere una salute ottimale. Come deve essere l’alimentazione complementare del bambino?

Le ultime raccomandazioni sull’alimentazione complementare del bambino

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomanda l’allattamento esclusivo al seno fino a 6 mesi e poi l’integrazione con cibi solidi, che saranno offerti al bambino nella forma e nella consistenza migliore possibile per evitare possibili soffocamenti o altri incidenti evitabili. Inoltre, raccomanda di continuare l’allattamento al seno fino all’età di 2 anni e oltre, se la madre e il bambino lo desiderano.

Il periodo dell’alimentazione complementare copre l’età compresa tra i 6 e i 24 mesi, dove le carenze o le insufficienze nutrizionali e la presenza di malattie o processi infettivi possono influire sull’aumento della malnutrizione o della denutrizione nei bambini di età inferiore ai 5 anni. .

Pertanto, iniziare l’alimentazione complementare all’età appropriata (6 mesi) e offrire alimenti adeguati in termini di consistenza, forma, quantità e qualità (nutrienti) contribuirà a ridurre l’incidenza di patologie nel bambino e, quindi, a una crescita e a uno sviluppo ottimali dello stesso.

Attualmente, l’alimentazione complementare può essere iniziata con qualsiasi tipo di alimento (carni rosse e bianche, verdure, legumi, frutta), compresi i cosiddetti allergeni (agrumi, pesce, uova, ecc.), poiché è stato dimostrato che ritardandone l’introduzione (dopo l’anno) le reazioni allergiche possono essere maggiori.

L’uso di sale, zucchero e miele se controindicato, almeno fino ai 2 anni di età, per evitare danni renali, carie, obesità e botulismo, che è una malattia molto grave causata da un batterio neurotossico chiamato Clostridium botulinum contenuto nel miele.

Anche l’introduzione dell’acqua avverrà dopo i 6 mesi, essendo più consigliabile offrirla dopo il cibo per evitare che la sua capacità gastrica si riempia di un liquido che non contiene nutrienti.

Perché iniziare l’alimentazione complementare a 6 mesi

A partire dal sesto mese, il bambino è considerato più sviluppato e più maturo in termini di sistema digestivo, endocrino, renale e neuromotorio (sistema nervoso centrale). In questo modo, sarà in grado di accettare, digerire ed elaborare il cibo nel modo migliore possibile e con la minore incidenza di complicazioni, come il soffocamento o l’annegamento, malattie gastrointestinali, malattie infettive, obesità, malnutrizione, diabete e/o malattie allergiche.

Per evitare questi inconvenienti e perché l’inizio dell’alimentazione complementare abbia successo, è consigliabile iniziarla a partire dai 6 mesi, anche se è importante notare che ci possono essere bambini che non sono ancora pronti a ricevere il cibo a 6 mesi, per cui è conveniente aspettare che le condizioni siano giuste.

Quali requisiti deve avere il bambino per iniziare l’alimentazione complementare?

Non fa male che prima di iniziare l’alimentazione complementare si consulti il pediatra, in modo che possa dirvi se vede che il bambino è pronto a mangiare “tutto”. Probabilmente durante il consulto esaminerà il bambino e prenderà in considerazione i seguenti aspetti:

  • Ha 6 mesi.
  • Mostra interesse per il cibo.
  • Che abbia perso il riflesso di estrusione (toglie il cibo dalla bocca con la lingua).
  • Che sia in grado di stare seduto da solo o, almeno, che sostenga il tronco e la testa, dato che possiamo farlo sedere in grembo o con un supporto.

Come iniziare l’alimentazione complementare nei neonati

Il modo classico di introdurre gli alimenti al bambino è quello degli omogeneizzati, delle creme, delle zuppe, ovvero dei frullati. Ma sempre più mamme optano per il cosiddetto BLW (Baby Led Weaning), ovvero l’introduzione di cibi solidi della giusta forma, consistenza e dimensione in modo che il bambino possa nutrirsi da solo. Altre mamme scelgono di fare un misto, che è la miscela dei due precedenti.

Raccomandazioni per l’avvio dell’alimentazione complementare

Oltre a queste informazioni che avete letto, voglio darvi alcuni consigli che dovete tenere a mente prima di iniziare l’alimentazione complementare del bambino:

  1. I cibi solidi integrano, non sostituiscono, l’allattamento al seno. L’allattamento al seno e/o l’alimentazione artificiale rimangono l’alimento principale fino a 12 mesi, quindi dovrebbero essere proposti prima degli alimenti solidi. Ed è questo, come dice lo studio “Porta il latte al petto! , dell’Associazione Spagnola di Pediatria, l’allattamento al seno è un diritto.
  2. Cercate di mantenere la calma, possiamo trasmettere ansia ai nostri bambini e non è consigliabile spaventarli.
  3. Quando si offre il cibo, non distrarli con musica, televisione o video, perché la loro attenzione sarà distolta dal cibo e non saranno interessati a mangiare.
  4. Non automedicatevi. Se un alimento produce una reazione allergica, è necessario sospenderlo immediatamente e consultare il pediatra.
  5. Tenete presente che si tratta di un processo che può essere lento in alcuni bambini e che all’improvviso potrebbe non avere molto successo all’inizio, perché non sono interessati al cibo o mangiano poco. In questo caso, bisogna procedere a poco a poco e non forzarli a mangiare, poiché ciò può generare un rifiuto per il cibo.
  6. Non fate paragoni. Ogni bambino ha una maturazione e uno sviluppo diversi che gli permettono di iniziare con successo o meno l’alimentazione complementare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

19 − 7 =